5 buone motivazioni per lavorare nelle Risorse Umane: ecco perché ne vale pena

28 Marzo 2019

Lavorare nelle Risorse Umane è l’aspirazione di molti giovani che dopo aver completato gli studi si affacciano sul mercato del lavoro.

Di certo si tratta di un percorso professionale tra i più affascinanti e ricchi di soddisfazioni e prospettive. Ma scopriamo alcune buone ragioni per cui scegliere di specializzarsi nel settore delle Risorse Umane.

5 buoni motivi per lavorare nelle Risorse Umane

Perché scegliere il settore Risorse Umane? Una domanda a cui è facile rispondere perché la carriera dell’HR Manager è sicuramente un percorso professionale altamente qualificante che regala una carriera gratificante, ma anche piena di sfide. Ecco 5 motivi che spiegano perché è bello lavorare nelle Risorse Umane:

  1. Offre una posizione di responsabilità e influenza – A causa della natura del loro lavoro, i professionisti delle risorse umane hanno una prospettiva di grande responsabilità nelle aziende per cui lavorano. Oltre ad avere una conoscenza diretta delle priorità e delle sfide dell’azienda, hanno anche la capacità di influenzare il futuro stesso della società con le loro scelte strategiche.
  2. Ottime retribuzioni – Il lavoro dei professionisti delle Risorse Umane è strategico in qualunque azienda, per questo gli specialisti del settore sono retribuiti con stipendi di tutto rispetto e in molti casi superiori alla media degli altri manager.
  3. Consente di aiutare a sviluppare le capacità delle persone – Lavorare nelle Risorse Umane consiste soprattutto nel favorire lo sviluppo professionale degli altri dipendenti, offrendo l’opportunità gratificante non solo di migliorare l’azienda nel suo insieme, ma anche i singoli dipendenti con cui lavori a fianco. I professionisti delle risorse umane hanno l’opportunità di guidare i dipendenti a perseguire nuove opportunità di carriera.
  4. Il settore vive una crescita esponenziale – Secondo alcuni dei principali portali internazionali di ricerca lavoro, quello attuale è il periodo ideale per puntare ad una carriera nelle risorse umane. Il settore è infatti molto più ampio rispetto al passato e le opportunità di lavoro sono di gran lunga aumentate, soprattutto in relazione alle figure professionali addette all’analisi dei Big Data e alle nuove tecnologie HR, in quanto queste costituiscono un vantaggio competitivo per le aziende che ricercano talenti.
  5. Un lavoro dinamico e flessibile – Lavorare nel settore delle Risorse Umane offre l’opportunità di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo. È una professione tutt’altro che statica, che offre l’opportunità di affrontare aspetti multiformi del mondo del lavoro come nuove legislazioni, strategie di riorganizzazioni aziendale, innovazioni tecnologiche, assunzioni e piani di espansione. Per questo, la formazione continua assume un’importanza fondamentale in questa professione.

Conviene fare un master in Risorse Umane?

Tra i requisiti per lavorare nelle Risorse Umane ci possono essere tutte le motivazioni che abbiamo visto e un buon curriculum, ma non può certamente mancare un percorso di studi di primo livello – come il Master in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane di GEMA Business School – per acquisire le competenze altamente specializzate richieste dalle aziende per queste figure professionali. Quando questi due ingredienti si combinano, il sogno di lavorare nelle Risorse Umane non può che realizzarsi.


Leggi anche

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…

Internazionalizzazione e HR: come formare e mantenere team multiculturali di successo

La globalizzazione ha ridisegnato i mercati in modo radicale. Negli ultimi anni…

AI e bias: quali influenze sul settore delle Risorse Umane

La selezione del personale è una fase fondamentale per la crescita di…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter