Profilo Linkedin perfetto: 6 cose da ottimizzare per un profilo professionale efficace

18 Aprile 2017
Profilo Linkedin perfetto: 6 cose da ottimizzare per un profilo professionale efficace

profilo linkedin perfettoCreare un profilo Linkedin perfetto è ormai un’esigenza fondamentale per promuovere efficacemente sé stessi e attrarre le attenzioni di chi deve conoscerti nel mercato del lavoro.

In un mondo sempre più virtuale e dove il lavoro a distanza diventa ormai la normalità, considerare Linkedin come poco più che un curriculum digitale è un errore cruciale e significa perdere di vista molte delle più grandi opportunità offerte da questa piattaforma.

Per creare un profilo perfetto e mostrarsi come il prospetto interessante, esperto e coinvolgente che si è, ecco 6 cose da ottimizzare e a cui fare estremamente attenzione.

  1. Foto profilo – La foto profilo serve a farti connetterti in maniera più emozionale su un medium virtuale. Per assicurarti il maggiore impatto possibile, la foto utilizzata deve avere un taglio professionale ed occupare circa il 70/80% della superficie disponibile. Lo sguardo deve essere rivolto in avanti, quasi a guardare il lettore, specialmente con le nuove funzionalità del social network in cui la foto profilo e i contenuti appaiono centrati e giustificati.
  2. Foto di sfondo – È la seconda concreta opportunità per distinguersi da una miriade di altri candidati come voi. Un adagio recita “un’immagine vale più di mille parole”: scegliere un’immagine o anche solo il colore in grado di comunicare la giusta idea e di rafforzare quello che già si sa, avrà un impatto notevole sul lettore.
  3. Titolo professionale – Un profilo Linkedin perfetto passa anche dal titolo professionale. Come nella pubblicità, il titolo deve essere creato per catturare l’attenzione e stimolare la voglia di approfondire la conoscenza.
  4. Riepilogo – Un profilo Linkedin perfetto non è una ripetizione del curriculum, ma un vero e proprio sito per il vostro brand. Pensate al riepilogo come all’home page: deve essere creato in modo da far sapere alle persone quello che fai e che hai fatto. Il ruolo del sommario, dunque, è di far sapere chi sei.
  5. Raccomandazioni – Le raccomandazioni rendono il profilo Linkedin più credibile e danno valore a ciò che scrivete, specialmente se provengono da persone influenti.
  6. Video – Linkedin permette di pubblicare video nel sommario o nella sezione relativa alle esperienze. Il video permette di offrire una comunicazione più completa e di avere un impatto maggiore su coloro che vogliono sapere di più su di voi.

Creare un profilo Linkedin perfetto ottimizzando questi 6 elementi e attraverso gli altri nostri consigli è solo il primo passo verso il successo professionale: per dare slancio alla carriera al primo posto c’è sempre la formazione specialistica, come quella dei corsi di alta formazione Executive Master Lab di GEMA Business School.


Leggi anche

Risorse Umane: chi è e cosa fa un Recruiter

Il mondo del lavoro cambia sempre più velocemente. Globalizzazione, digitalizzazione, Intelligenza Artificiale…

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter