8 previsioni sul mercato del lavoro

3 Dicembre 2015
8 previsioni sul mercato del lavoro

tecniche di recruiting creativeIl 2016 si sta avvicinando e chi si appresta a entrare nel mercato del lavoro, non diversamente dai professionisti HR, si sta chiedendo cosa c’è da aspettarsi per il nuovo anno. Quali saranno le nuove sfide? Le novità?

8 cose che vedremo nel mercato del lavoro

Secondo Dan Schawbel di Workplace Trends intervenuto su Forbes, si possono identificare alcune chiare tendenze sul mercato USA. Seppure non tutte si ripercuoteranno sul mercato HR italiano, troviamo alcuni spunti senz’altro interessanti.

Il fenomeno degli impiegati boomerang – I “boomerang employees” sono quei lavoratori che lasciano un’azienda per tornarvi dopo un periodo medio-lungo. Molte società hanno posto barriere al rientro dei fuoriusciti. La tendenza, però, sta cambiando. Data la scarsità dei talenti in circolazione, le compagnie non rinunceranno più alla seniority. Un fenomeno che potrebbe risultare una sfida in più per tutti coloro che cercano un primo accesso nel mondo del lavoro.

Il leadership gap – Ogni anno 10.000 appartenenti alla generazione di baby boomers (nati tra il 1946 e il 1964) vanno in pensione. Un fenomeno preoccupante, soprattutto se pensiamo che verranno sostituiti (solo in parte) dai Millennials. Un cambio di stile di leadership che potrebbe portare nel breve periodo a una destabilizzazione del mercato così come lo conosciamo. Più benefit? Meno gerarchia? È tutto da vedere.

Flessibilità lavorativa – Una cosa è certa: s’inizierà a parlare seriamente di flessibilità lavorativa. S’inizierà dalla settimana corta o dallo smart work?

Lo smart work diventa anche indossabile – Con la penetrazione sul mercato della tecnologia di consumo della wearable technology rivoluzionerà il mondo del lavoro, così come lo ha cambiato lo smartphone.

Il design dell’ufficio attrae talenti – Si consoliderà una tendenza già ben evidente: quella della cura del design delle sedi aziendali. Uno stratagemma che non colpisce solo clienti acquisiti e potenziali, ma anche per catturare i talenti con stili all’avanguardia e uffici relax friendly.

Automazione del lavoro – Le tecniche di automazione del lavoro si stanno raffinando. Un esempio? McDonald’s Europe ha installato 7.000 touch-screen per prendere le ordinazioni. C’è da preoccuparsi per l’assenza di posti di lavoro? Secondo alcuni a breve ci sarà da preoccuparsi del contrario.

L’anno del debutto della Generazione Z  nel mondo del lavoro – I nati tra il 1994 e il 2010 accederanno nel mondo del lavoro. Quali saranno le novità che apporterà a livello professionale e di approccio al lavoro?

Si ridiscuterà sulla maternità – Un tema sul quale in Italia siamo molto indietro. Ma, forse, le policy sui benefit delle multinazionali potranno riportare il tema in discussione.


Leggi anche

Risorse Umane: chi è e cosa fa un Recruiter

Il mondo del lavoro cambia sempre più velocemente. Globalizzazione, digitalizzazione, Intelligenza Artificiale…

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter