Il lifelong learning nei piani di formazione aziendale

25 Maggio 2023
Il lifelong learning nei piani di formazione aziendale

Non si finisce mai di imparare, così recita un celebre adagio popolare. Eppure, una volta trovato un lavoro soddisfacente, molte persone mettono la formazione in secondo piano. Tuttavia, continuare ad apprendere oggi è fondamentale se si vuole ottenere successo nel mondo del lavoro. A tal proposito, gli esperti parlano di “lifelong learning” o di apprendimento continuo. Scopriamo meglio cosa è e perché oggi è fondamentale integrarlo nei piani di formazione aziendale.

 

Cos’è il lifelong learning?

Per lifelong learning, o apprendimento continuo, si intende lo sviluppo di conoscenze e di abilità personali che avviene dopo la conclusione dei cicli tradizionali d’istruzione. Questo tipo di sviluppo personale si lega direttamente a specifici interessi individuali, alla natura curiosa di ogni individuo e alla motivazione personale che si prova nell’implementare le proprie conoscenze. Il lifelong learning si caratterizza quindi in primo luogo per il suo carattere volontario. Si basa sul desiderio personale di migliorarsi per realizzarsi in diversi campi, non solo in quello professionale. Altra caratteristica fondamentale di questo tipo di apprendimento sta nel fatto di non passare per canali canonici come le scuole o le università. Ne consegue che nel campo del lifelong learning non ci sono insegnanti, né pagelle. La motivazione viene dalla proattività personale e dalla propria autodisciplina.

 

Il lifelong learning nella formazione aziendale

Oggi il lifelong learning diventa un elemento fondamentale in ambito aziendale. Il mondo del lavoro è in continuo mutamento e in questo contesto la capacità di innovarsi con costanza rappresenta un vantaggio competitivo insostituibile. Un dipendente deve essere versatile, deve ampliare costantemente le sue conoscenze e le sue competenze. Una crescita personale continua però non è semplice e non può essere data per scontata. Imparare continuamente significa modificare la propria prospettiva e mettersi incessantemente in gioco. Inoltre, non è detto che tutti dispongano del giusto metodo per una formazione continua efficace. Per questo, è molto importante introdurre il lifelong learning in modo sistematico all’interno di un’azienda. La cosa porterà a diversi benefici per tutto il team coinvolto. Ovviamente, non esistono ricette universali per questo tipo di apprendimento, ma una regola aurea sicuramente è quella di stimolare la curiosità individuale. Vediamo alcune modalità efficaci per fare entrare il lifelong learning in azienda:


1. Mentorship


Qualsiasi cosa si voglia imparare, avere un maestro al proprio fianco è sempre molto importante. In molti campi fa veramente la differenza avere un punto di riferimento, un esempio da osservare con attenzione, un esperto a cui poter fare eventuali domande. In azienda, i collaboratori con una buona esperienza e buone doti relazionali possono essere nominati mentori dei più giovani: questo li farà sentire valorizzati e creerà anche un clima di collaborazione tra i collaboratori più giovani e quelli più esperti.


2. Microlearning

Il microlearning è un approccio alla formazione basato su informazioni specifiche offerte in sezioni altamente concentrate. Molto spesso si parla di microlearning come di formazione “in pillole”. Secondo diversi studi si rivela molto efficace un metodo di apprendimento basato sul fatto di fornire poche informazioni, in breve tempo, ma con costanza giornaliera. Guardare ogni giorno video formativi di 5-10 minuti risulterebbe molto più efficace di fruire di un’unica lunga sessione di apprendimento una tantum. L’apprendimento attraverso piccole lezioni seriali mostra importanti vantaggi: il livello di attenzione resta più alto e la continuità nel tempo favorirà una più profonda sedimentazione nella memoria dei concetti più importanti del corso formativo.


3. Lo swap-job

Per favorire l’apprendimento di nuove competenze, di tanto in tanto, si potrebbe anche far “cambiare di posto” i dipendenti, facendo affiancare loro diversi colleghi, appartenenti a diversi dipartimenti. In questo modo un collaboratore avrà l’occasione di comprendere meglio l’attività dei colleghi impiegati in diverse mansioni e di sperimentare nuove metodologie di lavoro. Inoltre, in questo modo si creerà maggiore spirito di collaborazione tra i membri di un team.

 

4. Webinar

Uno strumento formativo molto utilizzato negli ultimi tempi è quello dei webinar. È molto efficace organizzare seminari online, dedicati a specifici argomenti. Un dipendente può partecipare a questi incontri online per ottenere informazioni specifiche, per aggiornarsi, o anche per fare domande e confrontarsi direttamente con esperti di settore. Organizzare questo tipo di conferenze ha costi molto bassi e offre molta flessibilità logistica. Per partecipare all’evento formativo, infatti, basta disporre di un dispositivo dotato di connessione internet.

 

I vantaggi che si ricavano dal lifelong learning in azienda


1. Migliorare lo spirito di squadra

Affiancando diversi collaboratori, creando opportunità di formazione di gruppo, i dipendenti passano più tempo insieme. In questo modo hanno la possibilità di conoscersi meglio e di creare relazioni interpersonali forti, che assicurano maggiore affiatamento e una comunicazione più efficace anche in ambito aziendale. La formazione diventa anche un’ottima opportunità di team building aziendale.

 

2. Aumentare la motivazione

Un dipendente che affronta un percorso che lo appassiona si sente motivato e affronta i compiti con un nuovo spirito. Riempie di soddisfazione imparare cose nuove, che si reputano funzionali non solo sul posto di lavoro, ma anche nella vita quotidiana più in generale. Questo porta un significativo aumento del benessere, aumenta la motivazione e spinge alla proattività.

 

3. Creare senso di appartenenza

Formare il personale significa investire tempo e denaro nella crescita dei dipendenti. Avere a cuore lo sviluppo e la crescita professionale di un dipendente è un atto concreto di stima e di fiducia nei suoi confronti. Ne consegue che un collaboratore coinvolto in un interessante percorso di formazione si sentirà valorizzato e apprezzato per quello che fa, dando di più sul posto di lavoro e rendendo al meglio. In questo modo i singoli si sentiranno parte attiva dell’azienda, si sentiranno parte di un grande progetto che li vede coinvolti come protagonisti. Questo legame di fiducia tra datore di lavoro e collaboratori riduce un problema piuttosto sentito dalle aziende al giorno d’oggi, ovvero quello dell’eccessivo turnover dei dipendenti.

 

4. Aumentare il senso di sicurezza individuale

Acquisire nuove competenze permette di sentirsi più solidi e ferrati nel proprio campo d’azione. Questo è molto importante, perché una persona sicura di sé e dei propri mezzi avrà maggiore spirito d’iniziativa e affronterà le sue attività quotidiane con maggiore padronanza di sé e delle proprie competenze.


5. Imparare a imparare


Il lifelong learning è per definizione un approccio alla vita da conservare nel tempo. Accendere la curiosità genera un circolo virtuoso: più si sa e più ci si accorge di non sapere. Il lifelong learning aziendale è l’occasione per apprendere un metodo di apprendimento che resterà per la vita e che potrà essere adottato in vari contesti, anche in quelli non professionali.


Ti occupi di Corporate Education? Sei interessato al lifelong learning, vuoi conoscere come sviluppare al meglio competenze e personal skills dei tuoi collaboratori? Scopri i corsi in People Development di GEMA Business School.


Leggi anche

Come diventare copywriter nell’era del Digital Marketing

Scrivere è la tua passione? Stai pensando di trasformarla in una professione?…

Chi è il Risk Manager, cosa fa e come diventarlo

Nel business il rischio è una costante, tanto più in contesti complessi…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter