Home » Blog » Amministrazione del Personale e Diritto del Lavoro » Jobs Act: la riforma del contratto a termine.

Jobs Act: la riforma del contratto a termine.

Jobs act: contratto a termineIl nuovo contratto a termine, quale novellato dal DL n. 34/2014, diventa per sua natura acausale nel senso cioè che non è più richiesta la sussistenza di alcuna ragione produttiva, tecnica, organizzativa. Il riscritto comma 1 dell’art. 1 del dlgs n. 368/2001, non prevede più in generale, cioè per tutti i contratti a tempo determinato, la sussistenza di una ragione che giustifichi l’apposizione del termine.

Contestualmente è stato abrogato il comma 1 bis dell’art. 1 del dlgs n. 368/2001 che era stato introdotto dalla Riforma Fornero e che ammetteva solo per la prima volta, e quindi solo in via d’eccezione, il contratto acausale. La causale non è altresì più richiesta in caso di ricorso alla somministrazione a tempo determinato di cui all’art. 20 del dlgs n. 276/2003.Sebbene sia venuto meno l’obbligo di indicare la causale, ricordiamo che ancora esistono varie disposizioni di legge (diverse dall’art. 1 del dlgs n. 368/2001), che comunque fanno riferimento ai contratti a termine specifici (con causale) e che quindi la pongono come condizione per poter beneficiare della connessa agevolazione.

In particolare il comma 7 dell’art. 10 del dlgs n. 368/2001, integralmente conservato dalla recente riforma, prevede che nel limite massimo di ricorso al contratto a termine previsto dai contratti collettivi (ma oggi an-che dalla legge) non siano inclusi:

  • contratti conclusi in occasione di start up di nuove iniziative, previa indicazione dei relativi termini da parte dei ccnl;
  • i contratti a termine per ragioni sostitutive;
  • i contratti a termine stagionali di cui all’elenco riportato nel DPR N. 1525/1963 (es. varie attività connes-se all’agricoltura /allevamento/pesca e relative lavorazioni, fiere ed esposizioni, attività svolte da aziende turistiche che nell’anno solare abbiano un periodo di inattività non inferiore a 70 gg. continuativi, o a 120 gg. continuativi, corsi di insegnamento professionale di breve durata etc);
  • contratti per specifici spettacoli ovvero specifici programmi radiofonici o televisivi;
  • contratti stipulati con lavoratori di età superiore a 55 anni.

Anche l’art. 2 comma 29 della legge n. 92/2012, esclude dall’obbligo del contributo addizionale dell’1,4% i contratti a termine per ragioni sostitutive, nonchè i contratti stagionali (includendovi anche quelli definiti come tali per il periodo 2013-2015 dalla contrattazione collettiva). Pertanto anche se dal 21 marzo scorso la sussistenza e quindi l’indicazione della causale del contratto a termine non è più obbligatoria, la stessa rappresenta un’opportunità per quelle aziende che intendano fruire delle agevolazioni sopra indicate.

Se volete conoscere tutte le novità del Decreto Legge n. 34/2014 vi consigliamo di partecipare al convegno Jobs Act organizzato da GEMA a Roma e Milano.

Fonte: Studio Nevio Bianchi – Consulenza del Lavoro




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.