Home » Blog » Amministrazione del Personale e Diritto del Lavoro » L’apprendistato nella riforma del lavoro 2012

Riforma lavoro apprendistato

L’apprendistato nella riforma del lavoro 2012

Riforma lavoro apprendistatoA pochi giorni dalla promulgazione della legge di riforma del lavoro 2012 (legge 28 giugno 2012 n. 92 recante “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”) e dopo aver anticipato l’argomento nel post Riforma lavoro: la nuova normativa per il contratto di apprendistato , torniamo a parlare di riforma e apprendistato.

Oggi, infatti, possiamo analizzare nel dettaglio qual è il destino di questa tipologia contrattuale e il ruolo che gioca nel nuovo impianto normativo del mercato del lavoro.

Il contratto di apprendistato è stato inteso, in effetti, quale strumento chiave per l’accesso al mondo del lavoro. Testualmente: “…Come modalità prevalente di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro…”. Come tale gode di un sistema incentivante dal punto di vista dei benefici contributivi.

La nuova legge 28 giugno 2012 n. 92 di riforma del mercato del lavoro innalza, inoltre, i limiti percentuali posti all’assunzione tramite contratto di apprendistato.

Mentre la cosiddetta legge Biagi prevedeva che il datore di lavoro non potesse assumere apprendisti in rapporto superiore al 100% delle maestranze presenti in azienda (es. 2 apprendisti, 2 maestranze), la nuova norma porta questo rapporto a 3 apprendisti per 2 maestranze.

Il limite del 100% rimane valido per i datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze fino a 9 lavoratori.

Per le aziende con dieci o più impiegati, la stipula di nuovi contratti di apprendistato è subordinata all’assunzione, nei trentasei mesi precedenti, di almeno il 50% (30% per i prossimi tre anni) degli apprendisti impiegati.

Tutti questi elementi sottolineano il ruolo centrale del contratto di apprendistato nella riforma del lavoro 2012 di cui tanto si è parlato e che, ora che è legge, dovrà dare dimostrazione della propria efficacia nella regolamentazione del disastrato mercato del lavoro italiano.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/opensourceway/

 




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.