Home » Blog » Marketing, Comunicazione e Management » Vision zero: la sicurezza sul lavoro che viene dalla strada

Sicurezza sul lavoro

Vision zero: la sicurezza sul lavoro che viene dalla strada

Sicurezza sul lavoroA fine agosto, a Francoforte, si è tenuto il XX Congresso mondiale sulla salute e sicurezza sul lavoro. Un momento importante di confronto per la creazione di una strategia ampiamente condivisa per la prevenzione d’incidenti in ambito lavorativo e delle malattie connesse al lavoro.

Al centro dell’attenzione del Congresso c’è stata la strategia denominata Vision zero e mutuata da un’efficace iniziativa di sicurezza stradale che il Parlamento svedese ha messo in campo nel 1997.

Il presupposto dal quale parte questo nuovo approccio alla sicurezza sul lavoro è piuttosto semplice: l’incidente non è necessariamente frutto d’incuria da parte di lavoratori o datori di  lavoro. Chiunque può commettere uno sbaglio. Bisogna, dunque, lavorare per attenuare gli effetti di tali sbagli e fare in modo che non si risolvano in morte o invalidità del lavoratore.

Un altro aspetto che può sembrare lapalissiano, ma che rivoluziona l’approccio alla sicurezza è la visione etica: secondo Vision zero il costo della vita e dell’incolumità dei lavoratori non può entrare a far parte di un bilancio per la sostenibilità della sicurezza, poiché sono “beni” senza prezzo.

Al XX Congresso mondiale della salute e sicurezza sul lavoro è stato presente anche l’Inail. Potete leggere maggiori informazioni sul comunicato stampa dell’Istituto. Per leggere il programma dell’evento, seguite questo link al sito ufficiale.

Se siete appassionati di sicurezza sul lavoro e volete fare, della vostra passione, una professione, allora non perdete  i corsi in materia di Salute e Sicurezza di GEMA Business School.
Fonte immagine: wikimedia.org




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.