DPS abolito, ma la privacy resta

29 Maggio 2012
DPS abolito, ma la privacy resta

DPS abolitoIl Decreto Legge “semplifica Italia”, convertito in Legge il 4 aprile ha mandato in pensione il discusso Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS). Con ciò, però, non viene abolito anche l’obbligo delle aziende di mantenere alta la guardia sulla tutela della privacy e sulla sicurezza dei dati, così come indicato dal ciò che resta dell’art. 34 del Codice della Privacy (Dlgs. 196/2003).

Al di là della risonanza che la notizia ha avuto, soprattutto nel web, il fatto che il DPS sia stato abolito non rappresenta una rivoluzione epocale nella gestione delle procedure di sicurezza dei dati sensibili in ambito aziendale, ma solo la cancellazione di un onere che, finora, aveva portato solo confusione a livello operativo e di disciplina.

Di fatto, l’abolizione del documento non cambia le accortezze che le aziende devono dimostrare di attuare nell’ambito del trattamento di dati personali, soprattutto quando essi siano gestiti in forma elettronica: autenticazione informatica attraverso credenziali personali, protezione dei sistemi software e hardware, disaster recovery.

Ciò che la norma non chiede più, da quando il DPS è stato abolito, è che le aziende stilino il documento che elenca, nello specifico, le misure prese dall’azienda in fatto di tutela della privacy.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/wv/3377829880/

 


Leggi anche

Come diventare copywriter nell’era del Digital Marketing

Scrivere è la tua passione? Stai pensando di trasformarla in una professione?…

Chi è il Risk Manager, cosa fa e come diventarlo

Nel business il rischio è una costante, tanto più in contesti complessi…

Come diventare Social Media Manager

Quella di Social Media Manager è attualmente una delle professioni più richieste…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter