Credit Analyst, come diventare un analista del credito

16 Maggio 2024
Credit Analyst, come diventare un analista del credito

L’analista del credito, o Credit Analyst, è una figura sempre più centrale in ambito finanziario. Questo è incaricato, infatti, di valutare l’affidabilità creditizia di individui, di imprese e di organizzazioni. L’analisi di questo tipo di dati permette agli investitori di prendere decisioni informate in materia di investimenti finanziari. L’analista del credito è quindi una figura fondamentale per la gestione del rischio in ambito aziendale. Vediamo più nel dettaglio chi è e cosa fa un Credit Analyst e come diventare un analista del credito.

Chi è il Credit Analyst?

Il Credit Analyst è una figura professionale poliedrica, che unisce competenze finanziarie, commerciali, amministrative e legali. Valuta l’affidabilità creditizia e gestisce il credito commerciale di titoli, individui e società, determinando a chi, in che modo e con quali tempiste concedere credito.

Che cosa fa il Credit Analyst?

Come già accennato, il compito principale di un analista del credito è quello di fare valutazioni sull’affidabilità creditizia di diversi soggetti, di individui, di società e di titoli. Esamina quindi il quadro finanziario di individui e di organizzazioni, determinando il rischio che si incorre nel fare loro credito. Svolge analisi approfondite dei bilanci e della documentazione contabile, analizza le richieste di prestito, valutando le garanzie a copertura del finanziamento. Sviluppa fogli di calcolo, presenta analisi e raccomandazioni ai gestori, concentrandosi soprattutto sulle capacità di rimborso di un mutuatario. Si occupa della proiezione di scenari macroeconomici tramite forecasting e modelling. Inoltre, è incaricato di controllare che i piani di rientro vengano rispettati.

Dove lavora un Credit Analyst?

Un Credit Analyst lavora in aziende, banche, agenzie e istituti di credito. Spesso gli analisti del credito sono impiegati anche nelle compagnie di assicurazioni, in società di private equity, società di leasing, agenzie di rating, società di investimento e studi di consulenza commerciale.

Quanto guadagna un Credit Analyst?

La valutazione dell’affidabilità creditizia è un compito complesso. Un professionista che lavora in questo ruolo deve quindi ricevere una retribuzione adeguata alle sue competenze. In media, un analista del credito ha uno stipendio di circa 35.000 euro annui. Tuttavia, con l’aumentare dell’esperienza aumentano sensibilmente anche i guadagni. Un professionista affermato in questo settore guadagna anche 60.000 euro in un anno.

Come diventare Credit Analyst: la scelta di un Master in Finanza

Per diventare analista del credito è molto importante possedere buone capacità di analisi finanziaria e di bilancio. Occorre conoscere i principi e gli strumenti di valutazione creditizia. È importante avere un approccio analitico, buone doti analitiche e organizzative, capacità di problem solving, precisione e attitudine al lavoro in team.
Dal punto di vista del percorso formativo, per intraprendere una carriera da analista del credito è importante conseguire una laurea in campo economico, finanziario o statistico. Lo studio universitario può fornire le basi per intraprendere la carriera di Credit Analyst, ma un titolo di laurea triennale e magistrale potrebbero non essere sufficienti per intraprendere una carriera di successo in questo ambito. Scegliere il giusto master in finanza fa veramente la differenza. Per questo, GEMA Business School ti propone l’Executive Master in Finanza Aziendale e Controllo di Gestione di GEMA Business School, il percorso di alta formazione in ambito finanziario pensato per chi cerca un percorso formativo completo e flessibile, ideale anche per chi già lavora.
Scopri tutte le soluzioni GEMA Business School in ambito Finance. Per saperne di più contattaci subito, i membri del nostro staff risponderanno a tutte le tue domande, proponendoti la soluzione più adatta alle tue aspirazioni, alla tua attitudine e ai tuoi talenti.


Leggi anche

Sostenibilità e mobilità: come diventare Mobility Manager

Il mondo del business mostra crescente attenzione al tema della sostenibilità ambientale….

Perché un piano di welfare aziendale fa la differenza

Negli ultimi anni il mondo del lavoro ha attraversato una serie di…

Il Manager della Felicità: chi è e cosa fa lo Chief Happiness Officer

La soddisfazione, la motivazione e la produttività dei dipendenti si riflette in…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter