Che master scegliere per diventare commercialista

18 Gennaio 2024
Che master scegliere per diventare commercialista

La figura del commercialista si conferma una delle più richieste in ambito lavorativo. La sua attività di consulenza in ambito commerciale, fiscale e societario è irrinunciabile per ogni impresa, in ogni settore. Per essere abilitato alla professione, un commercialista deve svolgere un ciclo di studi ben preciso e acquisire determinati titoli. Vediamo insieme quale percorso intraprendere e che master scegliere per diventare commercialista.

Il commercialista: cosa fa e quanto guadagna

Il commercialista offre servizi di consulenza in ambito commerciale, fiscale e societario. Generalmente ha il compito di:

  • Tenere la contabilità;
  • Redigere i libri contabili e il libro unico del lavoro (LUL);
  • Predisporre il bilancio di esercizio e le dichiarazioni dei redditi;
  • Svolgere perizie tecniche, ispezioni e revisioni amministrative.

Un commercialista si occupa anche di consulenza fiscale, stilando business plan e affiancando un imprenditore nell’apertura di nuove attività.
La sua retribuzione varia molto a seconda della sua esperienza. Agli inizi di carriera un commercialista guadagna circa 1.500 euro al mese. Con il crescere della sua esperienza professionale e della sua notorietà i suoi guadagni aumentano progressivamente. Un commercialista di successo guadagna in media 6.000 euro al mese come libero professionista. Un commercialista dipendente ha uno stipendio che si aggira tra i 1.200 e 2.500 euro mensili.

Come diventare commercialista, tutte le fasi del percorso

Un commercialista vanta diverse competenze, che vanno dalla contabilità, al diritto fiscale e tributario. Per diventate commercialista bisogna quindi seguire un apposito percorso di studi.

Conseguire una laurea magistrale in economia

In primo luogo, è importante segnalare che non si può intraprendere la carriera di Dottore Commercialista senza aver prima ottenuto un titolo di laurea magistrale in economia.
Intraprendere un corso di laurea in economia è un passo fondamentale per acquisire conoscenze solide in ambito economico, matematico-statistico e giuridico. Terminato il corso di studi universitario si avranno tutti gli strumenti necessari per l’analisi economica e aziendale.

Svolgere il praticantato

Dopo aver ottenuto il titolo di laurea magistrale in economia, per diventare commercialista occorre svolgere un periodo di praticantato. Un aspirante commercialista dovrà quindi fare tirocinio iscrivendosi all’apposito registro. Questo registro è diviso in due sezioni:

  • Sezione A: dedicata ai Tirocinanti Dottori Commercialisti, a coloro che sono in possesso di una laurea magistrale in economia
  • Sezione B: dedicata ai Tirocinanti Esperti Contabili, ovvero ai tirocinanti che hanno un titolo di laurea triennale in economia.

Per diventare commercialista occorrerà quindi iscriversi alla prima sezione, per poi svolgere un praticantato di 18 mesi presso uno studio di consulenza commercialistica, o presso un esperto contabile iscritto all’albo da più di 5 anni.

Sostenere l’Esame di stato

Per iniziare a svolgere la professione commercialista è necessario superare l’esame di Stato necessario per l’iscrizione all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. Per accedere a questo esame bisogna disporre di titoli di studio che variano a seconda dell’ordinamento di riferimento:

  • Nuovi ordinamenti: laurea nelle classi LM-56, LM-77 (D.M. 270), 64/S, 84/S (D.M. 509/99) e di un tirocinio commercialista di 18 mesi, a condizione che un anno di tirocinio venga svolto dopo il conseguimento della laurea magistrale;
  • Vecchi ordinamenti: diploma di laurea rilasciato dalle facoltà di Economia, secondo gli ordinamenti didattici previgenti al DM 509/99 e di un tirocinio post-lauream non inferiore a 18 mesi. Diploma di laurea in Scienze Politiche e Giurisprudenza e di un tirocinio post-lauream della durata di tre anni purché iniziato entro il 31/12/2007.

L’Esame di Stato di Dottore Commercialista e di Esperto Contabile si compone di tre prove scritte e da una prova orale. Sono esonerati dalla prima prova scritta gli aspiranti esperti contabili (sezione B) e coloro che hanno conseguito un titolo di laurea che rientra nella convenzione di cui all’articolo 43 del D. Lgs. 28 giugno 2005, n. 139. Le prove consistono in:

  • I PROVA: si affrontano materie come la ragioneria generale e applicata, la revisione aziendale, la finanza aziendale, la tecnica professionale, la tecnica bancaria, la tecnica industriale e commerciale.
  • II PROVA: si affrontano materie giuridiche come il diritto privato, il diritto commerciale, il diritto fallimentare, il diritto tributario, il diritto del lavoro e della previdenza sociale, il diritto processuale civile.
  • PROVA PRATICA: è una verifica che consiste in un’esercitazione sulle materie della prima prova scritta. Si chiederà quindi di redigere atti relativi al contenzioso tributario.
  • PROVA ORALE: in questo colloquio al candidato verranno rivolte domande di economia politica, matematica e statistica, di informatica e sistemi informativi. L’aspirante commercialista verrà interrogato anche in materia di legislazione e di deontologia professionale.

L’iscrizione all’Albo

Per ottenere l’abilitazione come commercialista occorre infine iscriversi all’Ordine Nazionale dei Commercialisti. Bisognerà presentare l’apposita domanda di iscrizione alla segreteria dell’Ordine del proprio comune di residenza, o del proprio domicilio professionale. La domanda dovrà essere accompagnata da specifici documenti e dall’attestazione dell’avvenuto versamento del contributo di iscrizione. Se i documenti risulteranno regolari si otterrà l’iscrizione all’albo.

La Formazione Professionale Continua per Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Una volta iscritti all’ordine, i dottori commercialisti dovranno svolgere ogni anno un numero di ore cumulativo di apprendimento individuale. Nello specifico, si tratta di Formazione Professionale Continua, o di FPC, ovvero di un percorso formativo individuale con lo scopo di aggiornare e di portare avanti in modo duraturo la formazione professionale di un commercialista.

L’Executive Master in Finanza Aziendale e Controllo di Gestione di GEMA Business School nasce proprio per rispondere alle esigenze di formazione professionale continua dei membri dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Questo Master mira a sviluppare le competenze contabili, finanziarie, gestionali facendo continuamente riferimento alla realtà internazionale e alle più recenti evoluzioni del settore. Questo percorso formativo ti consentirà di sviluppare al meglio le tue competenze di Commercialista, favorendo il tuo ingresso in una nuova realtà lavorativa, la tua ricollocazione in un ambito di tuo particolare interesse, o un avanzamento di carriera. Per saperne di più, contattaci subito!


Leggi anche

Le certificazioni aziendali per la Sostenibilità Ambientale

La sostenibilità si è affermata come un elemento cardine per processi di…

Cos’è l’ESG Compliance e perché è sempre più importante per le aziende

Il tema dell’ESG Compliance si sta guadagnando sempre maggiore centralità in ambito…

Il ruolo del reparto HR nella promozione della sostenibilità aziendale

Il tema della sostenibilità rappresenta una delle più grandi sfide della nostra…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter