Home » Blog » Amministrazione del Personale e Diritto del Lavoro » Pacchetto Lavoro Giovannini: nuove possibilità di collocamento

Pacchetto Lavoro Giovannini: nuove possibilità di collocamento

pacchetto-lavoro-giovannini-IIl Pacchetto Lavoro emanato nel giugno 2013 dal nuovo Governo e che prende il nome dal ministro Giovannini, intende creare nuove possibilità di lavoro nel nostro Paese per rilanciare il mercato dell’occupazione. I provvedimenti previsti dal pacchetto delineano una serie di modifiche e di innovazioni piuttosto interessanti rispetto alla precedente Riforma Fornero.

Il Governo ha individuato cinque aree d’intervento con obiettivi specifici.

Prima di tutto, il Pacchetto Lavoro Giovannini vuole stimolare la possibilità di reinserimento per i cittadini disoccupati di qualsiasi età e specialmente per coloro che usufruiscono del contributo ASpI. Il Governo s’impegna ad erogare il cinquanta per cento dell’indennità totale percepita, nel caso in cui un’azienda decida di assumere il lavoratore disoccupato. Integrando perciò lo stipendio pagato dall’azienda in misura ridotta con quello della residua ASpI, i lavoratori e le aziende avranno maggiori opportunità d’incontrarsi. A ciò si aggiunge una maggiore flessibilità per l’utilizzazione dei contratti a tempo determinato da parte delle imprese, senza il venir meno delle collegate tutele per i lavoratori.

Altro punto focale del Pacchetto Giovannini per il Lavoro, è quello denominato “Garanzia Giovani”. I ragazzi che hanno un’età compresa tra i diciotto e i ventinove anni, potranno essere assunti con maggiore facilità dalle imprese, che si avvantaggeranno di uno sgravio massimo mensile di 650 euro sulla contribuzione. La validità di questo istituto decontributivo è di 18 mesi per assunzioni dirette con contratto a tempo indeterminato, mentre scende a 12 mesi nel caso di conversione del contratto da determinato a indeterminato.

Agevolando questa tendenza sussidiaria rispetto alle imprese e ai lavoratori, il Pacchetto Lavoro Giovannini manifesta un orientamento più deciso in favore dei soggetti appartenenti alle fasce sociali svantaggiate oppure residenti nel Mezzogiorno.

Continuate a leggere il Blog di GeMa per la II parte dell’approfondimento sul Pacchetto Lavoro Giovannini.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/acsonline/




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.