Wang ci tiene, ma non troppo: un marketing flop

10 Luglio 2012
Wang ci tiene, ma non troppo: un marketing flop

Marketing flopFin dagli anni ’50 i Wang Laboraories degli USA producevano i primi calcolatori in grado di eseguire logaritmi complessi e le prime macchine da scrivere elettroniche con potenti word processor. Al di là di alcuni fondamentali errori strategici di management che hanno segnato le sorti della società, facendola presto scomparire dal futuro dell’industria informatica, la Wang è entrata a pieno diritto nella storia dei marketing flop.

Gli addetti alla comunicazione commerciale della Wang, alla fine degli anni ’70, hanno voluto diffondere l’immagine di un’azienda che usa particolare attenzione nei confronti del cliente, dei suoi feedback e delle sue esigenze. Il claim utilizzato era semplice e diretto, uno di quei claim che difficilmente si potrebbe pensare di annoverare tra i flop del marketing, eppure…

Il famoso claim recitava: “Wang cares”. Fin qui, nulla di strano. Finché gli americani non hanno iniziato a masticare lo slogan e a farci l’orecchio; distorcerlo un minimo era questione scontata. L’immagine che ne usciva fuori era agli antipodi di ciò che l’azienda voleva fornire. Wang cares divenne wankers (termine di cui vi lasciamo lo sfizio di trovare la traduzione).

Oggi, nei manuali di marketing flop, la Wang Computers ha una posizione d’onore.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/mwichary

 


Leggi anche

Il Project Management si afferma anche nella Pubblica Amministrazione

Negli ultimi tempi la Pubblica Amministrazione si trova ad affrontare sfide epocali….

E-commerce: l’evoluzione di un fenomeno in continua crescita

Le vendite a distanza non sono un qualcosa nuovo, il commercio via…

Project Management e Intelligenza artificiale: nuove prospettive

Con l’affermazione dell’Industria 4.0 e il procedere della Trasformazione Digitale, si parla…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter