Contabilità e fisco, la correttezza vince sulle medie di settore

20 Ottobre 2011
Contabilità e fisco, la correttezza vince sulle medie di settore

Contabilità e FiscoContabilità e fisco, vince la prima. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 11985/2011: in presenza di una corretta contabilità, l’Agenzia delle Entrate non può rettificare la dichiarazione sulla base di medie di settore, ridotte a mere congetture estimative.

L’Agenzia delle Entrare contestava ricavi maggiori di quelli dichiarati a una società italiana, accusa mossa per via analitico-induttiva unicamente sulla base di alcune percentuali di ricarico medio. I giudici della Corte di Cassazione hanno dato ragione all’azienda: dal momento che i libri contabili di quel periodo erano tenuti in maniera ineccepibile, non sussisteva alcuna ragione per procedere contro la società contribuente. Semplificando, a fronte di una corretta contabilità, il fisco non può intervenire sulla base di stime di settore.

La sentenza pone un punto fermo nel rapporto tra contabilità e fisco: di recente, vari uffici dell’Agenzia delle Entrate hanno emesso numerosi accertamenti (spesso per imprese congrue e coerenti con gli studi) semplicemente confrontando la differenza tra il fatturato o il reddito dichiarato dalle imprese di determinate categorie, e le medie e i ricarichi elaborati artigianalmente dagli stessi uffici.

Per diventare esperti in materia, scoprite i migliori Corsi in Contabilità e Fisco.

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/28419945@N00/


Leggi anche

Come diventare Social Media Manager

Quella di Social Media Manager è attualmente una delle professioni più richieste…

L’importanza del Project Management per le organizzazioni Non Profit

Quando si parla di organizzazioni non profit ci si riferisce a quegli…

Il marketing sostenibile per una nuova comunicazione aziendale

Negli ultimi anni si è diffusa una nuova sensibilità legata ai temi…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter