Il ruolo dei social media nello sviluppo delle risorse umane

7 Giugno 2012
Il ruolo dei social media nello sviluppo delle risorse umane

Sviluppo risorse umaneDalle tendenze operative di alcuni tra i Direttori HR delle realtà pubbliche e private più importanti d’Europa, all’analisi delle buone prassi nel settore dello sviluppo delle risorse umane. È così che potrebbe essere interpretato lo studio Barometro HR 2011 pubblicato da CSC. Un modo per comprendere come le aziende stanno reagendo alla crisi e un’occasione, per gli attuali e futuri responsabili HR, di imparare dai “grandi”.

Il primo dato da tenere a mente è una percentuale: il 76%. Questa ampia maggioranza rappresenta i Direttori del personale che ritengono la loro funzione essere quella di procacciare, sviluppare e mantenere i talenti. Categoria di lavoratori che sembra in via di estinzione.

La scarsità di talenti eccezionali ha spinto chi si occupa di selezione e sviluppo delle risorse umane a utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per trattenere gli elementi migliori. Siete curiosi di sapere qual è un mezzo atto a questo scopo? Il social media.

Attraverso il social media, i Direttori HR più illuminati hanno scardinato le logiche della gerarchia manageriale per attingere a quell’”intelligenza collettiva” delle risorse umane che può essere stimolata solo attraverso un interscambio personale non strutturato.

Dal recruitment alla motivazione, passando per il vero e proprio sviluppo del personale. La nuova via del management HR dà spazio alle competenze e favorisce la mobilità interna, mirando all’autorealizzazione dei lavoratori.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/44313045@N08/

 


Leggi anche

Risorse Umane: chi è e cosa fa un Recruiter

Il mondo del lavoro cambia sempre più velocemente. Globalizzazione, digitalizzazione, Intelligenza Artificiale…

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter