Colloquio di lavoro: rispondi in modo efficace con il metodo STAR

31 Marzo 2023
Colloquio di lavoro: rispondi in modo efficace con il metodo STAR

Molto spesso, nell’ambito dei colloqui di lavoro vengono poste delle domande comportamentali, si chiede a un candidato come ha reagito in particolari circostanze del passato, o in situazioni ipotetiche. Viene chiesto come si è risolta una situazione problematica, o come si è arrivati a conseguire un dato risultato. Rispondere a questo tipo di domande non è sempre semplice, molto spesso si finisce per divagare e non si centrano i punti che interessano veramente l’interlocutore. Il metodo STAR è uno strumento utilissimo per rispondere alle domande comportamentali in modo efficace e puntuale.

 

Cos’è il metodo STAR?

STAR è l’acronimo delle parole inglesi “Situation, Task, Action, Result vale a dire “Situazione, Compito, Azione, Risultato”. Fissando chiaramente questi quattro punti potrai strutturare risposte semplici ed efficaci, condividendo informazioni rilevanti all’intervistatore, in modo conciso, ma senza mancare di precisione. Potrai raccontare un episodio della tua carriera professionale partendo da una precisa situazione problematica (Situation), passando poi al ruolo che ti è stato assegnato (Task), all’azione intrapresa per svolgere quella mansione (Action), e infine, il risultato finale ottenuto (Result). Ovviamente, nel delineare questo svolgimento sarà importante evidenziare in modo concreto quanto il tuo apporto sia stato fondamentale per l’ottenimento di un buon risultato.

 

Quando utilizzare il metodo STAR?

Ogni recruiter usa sistemi differenti per intervistare i candidati, ma molto spesso durante un colloquio ti verranno poste domande sulla soluzione di problemi affrontati in precedenza, o sulla soluzione di scenari ipotetici. Queste domande mirano a cogliere le tue capacità di problem solving, di astrazione, di comunicazione, e molto altro ancora. Ne consegue che, prima di ogni colloquio, è sempre bene fissare alcune situazioni esemplari da raccontare a un recruiter, in modo tale da rispondere alle domande comportamentali in modo deciso e senza tergiversare. A tal proposito, è molto utile imparare a riconoscere subito quali sono le domande comportamentali. In genere, questo tipo di domande passa sempre per espressioni come “Hai mai…”, “Mi parli della volta in cui…”, “Descrivimi una situazione in cui…”, “Cosa faresti se…”.

 

Esempi concreti di applicazione del metodo STAR

Vediamo concretamente come rispondere a questo tipo di domande utilizzando il metodo STAR passo dopo passo:

1. Situation

Quando un recruiter chiede di descrivere una situazione in cui hai dovuto fronteggiare una questione problematica, è importante descrivere la circostanza in modo preciso. È importante spiegare chiaramente la complessità della situazione e per quali ragioni era di primaria importanza risolverla quanto prima e nel migliore dei modi.

2. Task

Dopo aver delineato la situazione, occorre che tu descriva in modo chiaro quale era il tuo ruolo in quella situazione. Che compito ti era stato assegnato? Da chi? Qual era il risultato che ci si aspettava di ottenere?

3. Action

A questo punto è fondamentale descrivere le azioni che si sono intraprese per raggiungere gli obiettivi fissati. È importante che tu metta l’accento sul tuo contributo personale, evidenziando tutto quello che hai svolto in prima persona. Ovviamente è importante dimostrare di saper lavorare bene in team, ma in questo contesto è importante che ti focalizzi soprattutto sul tuo ruolo e sulle tue responsabilità individuali.

4. Result

Concludendo il racconto, si arriva a descrivere qual è stato il risultato finale. Sii concreto nello spiegare quanto conseguito. Se questo risultato è quantificabile, è molto importante fornire dati e cifre. Non dimenticare di aggiungere perché conseguire questo risultato è stato importante per te, cosa hai imparato da questa situazione e in che modo farai tesoro di questa esperienza anche in altri contesti.

Esercitati ad applicare questo schema a più contesti e a diverse situazioni, in breve tempo acquisirai maggiore sicurezza e maggiore chiarezza nelle risposte a questo genere di domande. Vorresti lavorare nel mondo delle Risorse Umane e conoscere nuovi metodi e dettagli sulla loro applicazione? Lavori già in questo settore e vorresti rafforzare le tue competenze? Scopri di più sul Master Post-Laurea in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane e l’Executive Master in Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane di GEMA Business School


Leggi anche

Risorse Umane: chi è e cosa fa un Recruiter

Il mondo del lavoro cambia sempre più velocemente. Globalizzazione, digitalizzazione, Intelligenza Artificiale…

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter