Home » Blog » Amministrazione del Personale e Diritto del Lavoro » Sicurezza sul lavoro: qui la differenza di genere conta

Sicurezza sul lavoro e differenza di genere

Sicurezza sul lavoro: qui la differenza di genere conta

Sicurezza sul lavoro e differenza di genereLe donne sono diverse dagli uomini. Quando si parla di sicurezza sul lavoro, negarlo sarebbe un rischio. Tenere conto delle differenze di genere è fondamentale, tanto che il Testo Unico ne parla esplicitamente.

Ma non è solo un’attenzione richiesta dalla nostra normativa. La Commissione Europea ha posto in agenda il tema fin dal 2002. Sulla scia di tale attenzione, a molti anni di distanza, l’European Agency for Safety and Health at Work ha recentemente pubblicato un documento molto interessante. Si chiama Mainstreaming gender into occupational safety and health practice e ha l’obiettivo di sottolineare l’importanza di un approccio che tenga conto delle differenze di genere nelle politiche di sicurezza sul lavoro.

In un approccio gender-neutral alla sicurezza sul lavoro, lo standard viene fissato sul lavoratore medio di sesso maschile. Questo, ovviamente, non può fare giustizia delle tipologie, delle situazioni, delle condizioni e dei contesti che caratterizzano il lavoro femminile, nonché delle differenti necessità specifiche della donna.

La prospettiva gender-sensitive è relativamente giovane e di maggiore diffusione. Per tale motivo il documento mette sotto la lente d’ingrandimento i casi studio, le strategie e le buone pratiche attualmente in vigore in Europa e nel resto del mondo.

Uno dei casi studio presentati è Made in Italy. Si tratta di un’iniziativa di Ferrovie dello Stato e riguarda l’istituzione di un Comitato per le Pari Opportunità. I suoi compiti principali? Eccoli elencati:

  • Informazioni dedicate alle donne: posizioni lavorative aperte, misure preventive adattate ai bisogni specifici delle donne e promozione della salute;
  • Progetti di ricerca sui rischi e i problemi incontrati dalle lavoratrici;
  • Progetti di promozione della salute dedicati.

Per approfondire il tema sull’approccio italiano alla sicurezza sul lavoro e differenza di genere, potete leggere una newsletter del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dedicata all’argomento. È del 2010: i dati hanno qualche anno, ma le riflessioni e le considerazioni sono tutt’ora valide. L’Inail ha recentemente messo a disposizione alcune interessanti infografiche (che vedete anche come immagine di questo post) che riguardano i dati 2012 sugli infortuni delle lavoratrici.

Se il tema della sicurezza sul lavoro ti appassiona e vuoi divenire professionista del settore, scopri come diventare Safety Manager e non rinunciare all’occasione che aspettavi: l’Executive Master in Safety Management di GEMA Business School.




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.