Home » Blog » Master e Corsi » Contabilità semplificata: le novità del decreto sviluppo

Contabilit

Contabilità semplificata: le novità del decreto sviluppo

Contabilità e fisco, il decreto sviluppoIl decreto sviluppo (dl 70/2011) estende la contabilità semplificata a un numero maggiore di aziende, a patto che queste rispondano a determinati requisiti.

Di fatto, cambiano i criteri in base ai quali stabilire se un’impresa possa essere considerata “minore”. Con l’articolo 7 del dl 70/2011, il parametro principale diventa l’ammontare dei ricavi conseguiti in un anno solare. Il decreto sviluppo pone due soglie: da 309.874,14 a 400mila euro per le imprese che forniscono servizi; da 516.456,90 a 700mila euro per le imprese che svolgono altre attività.

Le imprese che, in base alla loro tipologia, rientrano nelle due soglie sopra indicate, vengono considerate “piccoli imprenditori”. E possono beneficiare della contabilità semplificata: non sono obbligate a tenere il libro giornale, il libro degli inventari e delle altre scritture contabili.

Nello specifico, la nuova normativa sulla contabilità semplificata riguarda le persone fisiche (solo per attività di tipo commerciale), le società di persone (Snc, Sas) e gli enti non commerciali.

Una nota a parte meritano i rivenditori di libri, riviste e giornali, in quanto sottoposti a contratto di tipo estimatorio: i ricavi di questo tipo di attività, al fine di beneficiare del regine di contabilità semplificata, si considerano sempre al netto del prezzo pagato al fornitore.

Segui i migliori corsi in Contabilità e Fisco.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/fecked-up_art




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.