Employee Experience: strumento essenziale per la gestione delle Risorse Umane. Parola di GEMA Business School

21 Marzo 2022
Employee Experience: strumento essenziale per la gestione delle Risorse Umane. Parola di GEMA Business School

La nostra società è in continua evoluzione così come la nostra economia e le nostre imprese. Questa evoluzione sta avendo impatto anche nel modo in cui i dipendenti sperimentano il lavoro.

Le organizzazioni, oggi, riconoscono sempre più il valore del collaboratore interno e comprendono quanto le “umane risorse”, come è solito definirle Brunello Cucinelli (stilista e imprenditore italiano, fondatore dell’omonima azienda), siano la vera forza motrice dell’impresa.

Cos’è l’Employee Experience?

Se volessimo dare una breve definizione di cosa sia la Employee Experience, potremmo dire che si tratta di un insieme di pratiche che pongono il lavoratore al centro dell’azienda.

Progettare una employee experience non è per il team HR una semplice casella in un progetto perchè la gestione delle risorse umane può avere un impatto significativo su molti aspetti dell’organizzazione aziendale.

Oggi ben l’ 80% del management valuta fondamentale il ruolo dell’ employee experience.

Vediamo insieme una breve panoramica delle aree interessate dall’esperienza dei dipendenti per comprenderla al meglio.

  • Coinvolgimento

Il coinvolgimento dei dipendenti è la misura del rapporto tra i collaboratori l’organizzazione. È uno strumento di misura che permette di comprendere se le risorse interne sono emotivamente disposte ad investire parte della propria vita e il loro tempo, energia e intelletto nella crescita dell’organizzazione.

  • Reclutamento

Oggi chi è alla ricerca di lavoro possiede il desiderio di comprendere come sarà la sua esperienza in quella organizzazione. Questo è il motivo per cui mostrare all’ esterno il valore della propria azienda sotto la veste di “datore di lavoro” (il cui processo è definito Employer Branding) è fondamentale per poter scovare ed assumere i migliori talenti.

  • On boarding e mantenimento

Una corretta introduzione della risorsa in un’organizzazione, attraverso processi come l’on boarding (inserimento in azienda, programma di sviluppo di carriera, corsi di formazione e attività di team) può fare una grande differenza e portare il collaboratore a desiderare di restare, incrementando il livello della sua produttività.

Possiamo quindi affermare che una employee experience ben sviluppata può fare una grande differenza all’ interno delle Aziende. Un’analisi di oltre 250 organizzazioni globali ha rilevato che le imprese che hanno ottenuto il punteggio più alto sui benchmark dell’esperienza dei dipendenti hanno profitti medi quattro volte superiori e ricavi medi due volte superiori rispetto alle aziende che non prestano attenzione all’employee experience. Questo dimostra che un investimento nell’esperienza dei dipendenti è diventato fondamentale all’interno di un azienda

Employee Experience: hard e soft skill

Come si è visto, l’Employee Experience coinvolge la parte emotiva del percorso lavorativo aziendale, ma richiede anche specifiche hard e soft skill.

Bisogna quindi guardare oltre le skill tecniche “classiche” della professione di specialista HR. Per accompagnare i collaboratori lungo la strada dell’employee experience è fondamentale possedere delle competenze tecniche innovative e digitali. Diventa fondamentale essere in possesso della “Digital HR Strategy” ovvero essere capaci di gestire processi di digitalizzazione e trasformazione, essere a conoscenza degli strumenti e dei principi di marketing e conoscere e padroneggiare le logiche del people management.

Insomma, è ormai accertato che una forte employee experience è uno degli investimenti migliori che una organizzazione ed un team HR possano compiere. Porterà a benefici notevoli con un pool di talenti più ampio, una migliore e più duratura presenza in Azienda e un aumento delle entrate. Ma non si ferma qui. Una Employee Experience ben progettata porta i dipendenti a diventare i veri ambasciatori della realtà aziendale all’ esterno e a far rientrare internamente successo e nuove opportunità di business.

Vuoi conoscere di più del mondo delle Human Resources e dell’ employee experience?

Gema Business School offre la possibilità di arricchire il proprio bagaglio professionale e personale attraverso una vasta gamma di corsi formativi nella gestione delle risorse umane, come un HR Management Master, o un master in Digital HR.

Scopri il percorso Gema che può essere più in linea con la tua professione.

Scopri di più sulla Certificazione SHRM-CP e SHRM-SCP, GEMA Business School

GEMA Business School è l’unico Preferred Provider di SHRM in Italia (Society for Human Resource Management). La più grande organizzazione al mondo nel settore delle Risorse Umane. Presente in 160 paesi al mondo, SHRM grazie a GEMA Business School promuove anche in Italia, lo sviluppo e la certificazione delle competenze in ambito HR.

Perché le best practices dell’Employee Experience possano far parte del tessuto aziendale, l’Istituto di formazione GEMA Business School ha realizzato un esame per la certificazione delle competenze SHRM delle Risorse Umane

È possibile infatti svolgere l’esame di certificazione SHRM-CP (Certified Professional) per coloro che hanno maturato tra i 2 e i 4 anni nelle HR; mentre SHRM-SCP per coloro che hanno operato in ruoli senior e strategici maturando almeno 5 anni di esperienza professionale.

Ti aspettiamo. Crea il tuo futuro con GEMA Business School.


Leggi anche

HR Manager: chi è e cosa fa il Responsabile delle Risorse Umane

L’HR Manager, il Responsabile delle Risorse Umane, si occupa principalmente della selezione,…

Internazionalizzazione e HR: come formare e mantenere team multiculturali di successo

La globalizzazione ha ridisegnato i mercati in modo radicale. Negli ultimi anni…

AI e bias: quali influenze sul settore delle Risorse Umane

La selezione del personale è una fase fondamentale per la crescita di…
Richiedi Informazioni

    Iscriviti alla newsletter