Home » Blog » Master e Corsi » Riforma della previdenza complementare: il punto della situazione

Riforma della previdenza complementare: il punto della situazione

La previdenza complementare, in Italia, registra ancora poche adesioni: la riforma prevista dal d.lgs. 252/05 procede a rilento.

Nella Penisola si registra un paradosso: da un lato, la pensione è vista come una delle principali priorità; dall’altro, le famiglie destinano ancora poche risorse per integrare la pensione di “primo pilastro”, diventata in molti casi insufficiente.

Secondo i dati della relazione annuale della Covip per l’anno 2010, le adesioni alle forme di previdenza complementare sono in aumento rispetto all’anno precedente: +4,3%, pari a circa 5,3 milioni di iscritti. Ma si tratta appena del 23% dell’intera popolazione interessata.

Con oltre due milioni di iscritti, i fondi pensione negoziali continuano a essere la forma di previdenza con maggiori iscrizioni. Seguono i piani individuali pensionistici (i cosiddetti “nuovi Pip”, con oltre 1,1 milioni di sottoscrizioni) e i fondi pensione (circa 850mila sottoscrizioni).

Un altro dato significativo rilevato dalla Covip è l’assenza dei dipendenti del settore pubblico dalla forme di previdenza complementare: il d.lgs. 252/05 pone infatti una netta disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e dipendenti privati, a vantaggio di quest’ultima categoria.

Per diventare esperti di questa articolata materia, è consigliabile seguire un corso in Tfr e riforma della Previdenza Complementare.

 

fonte immagine: www.flickr.com/photos/agnellipaolo




LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published.*


Questo sito Web richiede l'utilizzo di cookies per funzionare correttamente, non vengono memorizzate informazioni personali.